Taranto: Map Festival dal 18 al 30 giugno, in città architetti e musicisti di fama internazionale

E’ tutto pronto a Taranto per la prima edizione del MAP festival, in programma dal 18 al 30 giugno 2021. Si susseguiranno concerti, mostre, visite guidate, e talk legati da un fil rouge davvero unico, ovvero il legame che intercorre tra musica ed architettura.

E’ il festival dei parallelismi, dove l’architettura è come musica congelata, e la musica è architettura liquida” ha sostenuto il Maestro Piero Romano, dell’Orchestra ICO della Magna Grecia, durante la conferenza stampa di questa mattina, tenutasi nel salone degli specchi del Palazzo di città.

In questo appuntamento si è percepita la massima sinergia tra i grandi protagonisti del Map Festival, ovvero: l’Orchestra ICO della Magna Grecia, l’amministrazione Melucci, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto, il MarTa, e l’Arcidiocesi locale, il tutto patrocinato dalla Regione Puglia, nell’ambito della Programmazione Puglia Sounds Live 2020/2021.

Si susseguiranno una serie di personaggi di fama nazionale ed internazionale, che vorranno dare il proprio contributo per la rinascita della città dei due mari, pronta ad invertire la rotta, e mostrarsi per i suoi splendori.

A tal proposito grande co protagonista, sfondo principale dell’evento, sarà la Concattedrale Gran Madre di Dio, progettata da Gio Ponti, e commissionata dall’Arcivescovo Guglielmo Motolese, che per festeggiare il suo 50° anniversario, ospiterà il 18 giugno, il concerto di Fabrizio Bosso Paolo Silvestri, accompagnati dalla nostra Orchestra della Magna Grecia.

Lo spettacolo del 18 alla Concattedrale, sarà possibile seguirlo, come volevano i suoi ideatori, all’esterno.

Di seguito solo alcuni dei grandi appuntamenti del fitto calendario del Map Festival:

  • l’installazione di quattro corner nelle maggiori piazze della città, nel quale verrà posizionata anche una super poltrona ideata dall’architetto Fabio Novembre,
  • un omaggio all’iconico Mozart, grazie all’artista Alessandro Quarta, diretto dalla direttrice d’orchestra Gianna Fratta,
  • la mostra so strange so music” organizzata dalla Direttrice del Museo MarTa, Eva Degli Innocenti, che ha spiegato le motivazioni della partecipazione “ è un progetto di grande originalità, per questo siamo entusiasti di dare il nostro contributo. Sappiamo quanto sia antico il rapporto tra musica ed architettura nella Magna Grecia, basti pensare ad Archita, che era anche un grande musicologo, a Pitagora, ad Aristosseno. Non dimenticando i culti dionisiaci che erano strettamente legati alla musica, dai quali nacque il tarantismo, la taranta, quella famosa pizzica che era tipica del Salento tarentino ” .
  • la messa di incoronazione di Mozart, all’esterno della Concattedrale Gran Madre di Dio
  • la lectio magistralis del famosissimo architetto italiano Mario Cucinella
  • una tavola rotonda sulla storia dell’archtettura e della musica con Rainer Kern, direttore artistico del festival Enjoy Jazz di Mannheim e riferimento per le città creative Unesco.
  • l’installazione di nuovi leggii espositivi, che parleranno della città.

Insomma, tantissimi appuntamenti che daranno nuovo lustro e visibilità alla città di Taranto, che ha tanto da offrire in ambito turistico, e sopratutto culturale.

 

leave a reply