Rizzo: “Non comprendiamo le ragioni alla base della decisione di spostare l’ing. Valenzano”

“Ha inanellato una serie di risultati positivi dal novembre 2015 fino ad ora”. Così il coordinatore provinciale Usb Taranto, Franco Rizzo, a proposito della decisione del Presidente della Regione di affidare all’ingegnere Barbara Valenzano un incarico in Aress, ponendo di fatto fine all’esperienza alla guida del Dipartimento Ambiente, Urbanistica e Trasporti “Una scelta – spiega Rizzo – che non si comprende facilmente,soprattutto se si valutano attentamente tutti gli obiettivi centrati dalla Valenzano con competenza e puntualità, durante la programmazione 2014-20 relativamente a settori fondamentali come Infrastrutture e Ambiente.

Ci risulta che l’ingegnere Valenzano abbia consentito alla Regione di evitare importanti sanzioni per siti inquinati e discariche, eredità del passato. Ha risolto infatti più di 2000 casi di infrazione. A questo si aggiungono l’istituzione dei parchi regionali,  tra cui quello del Mar Piccolo ed il finanziamento di infrastrutture del calibro del nuovo ospedale di Taranto. Ancora l’inserimento di una scheda per l’utilizzo dell’idrogeno e la decarbonizzazione nello stabilimento siderurgico tarantino, e i progetti strategici sul  Mediterraneo con le idrovie che aprono nuove prospettive verso Albania, Montenegro, Grecia e Croazia”.

“Parliamo di una serie di interventi che hanno determinato e determineranno effetti favorevoli anche sul territorio jonico, che ha fortemente bisogno di figure così qualificate. Insomma – conclude Rizzo – la persona giusta al posto giusto, tanto da portare la Puglia, nella classifica del Sole24h  al primo posto tra le Regioni che hanno intercettato e speso maggiori risorse in questi ambiti
Spesso vengono ricoperti ruoli da soggetti tutt’altro che idonei. Come mai questa volta, davanti a fatti concreti, viene assunta una decisione simile, togliendo ad una professionista seria ed affidabile, la possibilità di portare avanti tutta una serie di progetti utili al territorio?”

leave a reply