ATTUALITA'

Nasce a Taranto il comitato della Federazione italiana diritti umani

I diritti umani saranno più tutelati d’ora in avanti anche a Taranto grazie alla nascita del nuovo comitato della Federazione italiana diritti umani, più comunemente conosciuta come Fidu. Si tratta di una organizzazione no profit che ha sedi in tutto il mondo e da circa dieci giorni anche nel capoluogo pugliese.
“Ci occuperemo della tutela delle libertà fondamentali di tutti i cittadini” ha dichiarato a TarantoBlog l’avvocato Daniele D’Elia, presidente del neo-comitato tarantino. Insieme a lui altre dieci persone: nove avvocati, un farmacista ed un abate.
Obiettivo principale, oltre alla tutela, è la diffusione della conoscenza dei diritti umani, gli stessi riconosciuti dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo nel 1948, dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali nel 1950, dal Patto internazionale sui diritti civili e politici e dal Patto internazionale sui dititti economici-sociali e culturali del 1966, dall’Atto finale di Helsinki della Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa nel 1975 e dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea nel 2007, come viene specificato sul sito della Fidu.

“Un esempio concreto di violazione dei diritti dell’uomo può essere una famiglia alla quale viene negato, per ragioni di appartenenza religiosa, l’accesso ai servizi della comunità, o l’omosessuale che si vede discriminato nella richiesta dei servizi forniti dalla pubblica amministrazione o, ancora, il transgender a cui non sono riconosciuti i diritti fondamentali perché non ha avuto ancora la variazione del sesso presso l’ufficio anagrafe del Comune” ribadisce D’Elia. La tutela, in termini legali, per chiunque si rivolga al comitato tarantino (con sede in via de Cesare 37 con apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16.30 alle 19.30) è totalmente gratuita. “Inoltre, promuoveremo molte attività di sensibilizzazione sul territorio parlando di legalità nelle scuole ad esempio” ha continuato il presidente.
Tra le altre attività della federazione italiana dei diritti umani ci sono anche la formazione universitaria e post-universitaria, la ricerca scientifica con particolare interesse per l’ambito sociale, la cooperazione allo sviluppo, la beneficenza e la formazione extra-scolastica per la prevezione del bullismo.

Taranto non è il primo comitato pugliese della Fidu, “Ce n’è anche uno a Bari e a Lecce e cercheremo di aprirne anche uno in Basilicata a Matera” ha sottolineato l’avvocato.
Insomma, quella della Fidu è una realtà nuova su Taranto (e più in generale nel Sud Italia) che apre la città a nuovi scenari all’insegna del rispetto per l’altro e per se stesso nella costruzione di una “società possibile”.

Redazione

Aggiungi un commento

Click here to post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: