Taranto: MarTa, continuano i laboratori gratuiti interattivi online.

Visto il grande successo riscosso dalle prime edizioni dei laboratori interattivi gratuiti proposti dal MArTA Lab – il nuovo FabLab del Museo Archeologico Nazionale di Taranto – per consentire la più ampia partecipazione e rispondere alle richieste del nostro pubblico – dichiara la direttrice del
MArTA Eva Degl’Innocenti – abbiamo deciso di aggiungere nuove date!”.

Giovedì 21 maggio p.v. e giovedì 28 maggio dalle ore 18:00 alle ore 18:45 proponiamo i due laboratori destinati a bambini e ragazzi dagli 8 ai 15 anni, che potranno partecipare in famiglia o con la scuola. Gli adulti dovranno accompagnare lo svolgimento del laboratorio per facilitare
determinate azioni, aiutare nello svolgimento dei compiti, supervisionare i risultati e divertirsi con i ragazzi.

Non sono ammessi coloro che hanno già partecipato ai precedenti laboratori.
Si tratta di veri e propri laboratori interattivi, in cui lo specialista sarà sincronizzato con i partecipanti che potranno quindi interagire con lui in tempo reale, ponendo domande o chiedendo chiarimenti.
Ogni laboratorio, della durata di 45 minuti, prevede la creazione di un manufatto, un vero e proprio
gadget in materiale plastico ecologico che potrà essere stampato in 3D grazie alle stampanti del MArTA Lab e potrà essere ritirato gratuitamente presso il Museo appena sarà riaperto al pubblico.
La partecipazione ai laboratori è completamente gratuita, ma l’iscrizione è obbligatoria e i posti
limitati.

Per iscriversi basta seguire le istruzioni a questo link: https://www.martalab.com/presentazione-
iscrizione-laboratori

Per iscrivere ai laboratori un’intera classe contemporaneamente è possibile farlo, scrivendo
una e-mail con la richiesta a martalab@beniculturali.it.

Per partecipare è necessario possedere un PC o un notebook con mouse e una buona connessione internet, ma se non si posseggono questi requisiti minimi, è possibile ascoltare in diretta le
spiegazioni, anche senza partecipare attivamente.
I laboratori sono pensati per consentire ai ragazzi di sperimentare un primo approccio allo spazio in tre dimensioni, affinare le capacità creative e risolvere problemi reali, avvicinandosi allo studio delle materie cosiddette STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Matematica) in modo pratico e
divertente, ma soprattutto attraverso i reperti archeologici conservati nelle collezioni del MArTA.La missione educativa del Museo sposa così appieno le nuove tecnologie quale mezzo privilegiato per creare una nuova esperienza coinvolgente e partecipata.

Per informazioni: www.martalab.com
#iorestoacasa #MArTALab #laculturanonsiferma #InMArTAvisione

leave a reply